anni-storiaarrow-slider--leftarrow-slider--rightattestazione-soacertificazioni-ambientecertificazionidispositivi-protezioneformazionefornitoriiniziative-socialimetri-quadrati-verdemetri-quadri-sedemezziopere-ediliopere-infrastrutturaliopere-piramidepersonesearchsocial-instagramsocial-linkedin

Lungo il fiume, tra gli alberi

Lungo il fiume, tra gli alberi

«Marlene, anche nella tua città c’è un fiume, vero?» «Sì, Marianna. E mi piace molto passare il mio tempo libero leggendo o facendo passeggiate lungo l’argine. Sono curiosa di vedere il Brenta!» «Il posto che vedrai è molto bello. È stato valorizzato di recente.»

La Famiglia Emme ha un’ospite in casa, per qualche mese. Marlene studia biologia all’Università di Marburgo, in Germania, ed è in Italia per il programma di scambio europeo Erasmus. Ha da sempre una passione per la lingua e la cultura italiane e ha deciso di vivere il suo periodo di studio in famiglia, per entrare nella quotidianità del Paese che ama. Tra lei e gli Emme è nata subito una grande complicità e Marianna decide di portare Marlene e i figli, Manuela e Michele, a fare una gita in bici lungo il Brenta. È una splendida giornata di primavera, perfetta per seguire il percorso che passa attraverso l’oasi naturalistica tra il fiume e il lago Giaretta.

MUBRE-In viaggio con Mubre-aprile-2018_1

«Che luogo incantevole! Mi diceva che è stato… valorizzato? Cosa vuol dire?» «Significa, Marlene, che sono stati fatti degli interventi, nel rispetto dell’ecosistema. Come sai, l’Italia è ricca di storia e arte, ma anche di bellezze naturali e molto altro. In pochi chilometri quadrati puoi vedere tanti scorci preziosi e delicati, in cui convivono gli uomini, gli animali, tante specie vegetali… Tu studi biologia, immagino ti interessi molto questo aspetto.» «Certo. Ho iniziato ad appassionarmi alle forme di vita animali e vegetali proprio passando il mio tempo lungo il fiume.» «Come si chiama il fiume della tua città, Marlene?» «Si chiama Lahn, Michele. È molto bello e convive con un paesaggio ricco di case e attività economiche.»

«Sai Marlene, è stata la società Veneto Acque che ha fatto realizzare le opere di derivazione delle falde del Medio Brenta con pozzi di captazione, condotte di interconnessione e protezioni arginali. Questi interventi hanno quindi anche aumentato la sicurezza di chi abita e transita vicino al fiume e di chi, come noi oggi, fa una gita in bici.» «È tutto molto bello e ordinato!» «Il cantiere è stato programmato e gestito in modo tale da rispettare la flora e la fauna e rendere il luogo ancora più bello: sono stati piantati alberi, arbusti ed essenze floreali. I fiumi, come le strade, sono forse le infrastrutture più antiche: luoghi generatori di civiltà, che possono unire le persone e di cui dobbiamo prenderci cura.» «Ha ragione, Marianna.» «I fiumi come le strade, mamma?!» «Sì, Michele. Ma questo te lo spiego più tardi. Adesso ascoltiamo Marlene, che ci racconta tutto quello che sa sulle specie vegetali e sugli animali che abitano con gli uomini in questi luoghi speciali.» «Evviva!»

Lungo il fiume, tra gli alberi
Top