anni-storiaarrow-slider--leftarrow-slider--rightattestazione-soacertificazioni-ambientecertificazionidispositivi-protezioneformazionefornitoriiniziative-socialimetri-quadrati-verdemetri-quadri-sedemezziopere-ediliopere-infrastrutturaliopere-piramidepersonesearchsocial-instagramsocial-linkedin

Sapori antichi, saperi moderni

Sapori antichi, saperi moderni

«Nonno, ho fame!» «E di cosa avresti voglia, Michele?» «Di un panino con la sopressa!» «Allora andiamo a casa. Ma prima voglio farti vedere una fabbrica dove producono dei buonissimi affettati. Ha una sede nuova, qui vicino.»

 

Nonno Mimmo lavora da una vita nel mondo dell’agricoltura e con lui Michele non finisce mai di imparare cose nuove sulla natura, gli animali… e a entrambi piace capire come viene prodotto e da dove viene il buon cibo. Una bella gita nel trevigiano, tra pianure e colline, diventa così l’occasione per andare a vedere la nuova sede della Salumeria di Eustacchio.

 

«Una fabbrica di salami e sopresse, nonno?» «Caro Michele devi sapere che per soddisfare il piacere in tavola di tantissime persone e garantire sicurezza e igiene, servono tecnologie e strutture adeguate. La Salumeria di Eustacchio è diventata un’azienda importante proprio perché ha saputo valorizzare i gusti della tradizione, la civiltà contadina da cui veniamo, con processi di produzione efficienti e attenti. È così il futuro che dobbiamo costruire – per questo cerco di raccontarti il passato e spiegarti il presente.»

 

MUBRE-InViaggioConMubre-LUG2018_2

 

«Ho capito, nonno. Questa azienda mi è proprio simpatica, a partire dal nome. Chi è il signor Eustacchio?» «Era il papà del fondatore. Un esperto salumiere, che ha insegnato al figlio la passione per questo lavoro, l’attenzione per la qualità dei prodotti e per la ricerca di nuovi gusti e sapori. È una storia di famiglia, iniziata quasi 50 anni fa da una piccola macelleria. La nuova sede si sviluppa in due piani di 1400 metri quadrati ciascuno e dà ancora più slancio all’obiettivo della Salumeria: rinnovare le tradizioni, lavorando con tecnologie e materiali innovativi, offrendo un’alternativa di qualità alle grandi industrie. Dentro si trovano un’accogliente reception e uffici funzionali e luminosi. Ma il cuore dell’azienda è nel reparto produzione. Un sistema che comprende celle per l’asciugatura e locali adibiti alla stagionatura e al magazzino, per conservare al meglio i prodotti. Si riproducono, in grande, i piccoli gesti di attenzione che i bravi contadini, come il mio amico Maurizio o mio papà, tuo bisnonno, dedicano ad ogni fase della produzione. In questo modo, la Salumeria di Eustacchio dà ai suoi clienti la garanzia di un gusto davvero sano, che valorizza i saperi e i sapori di una volta.»

 

«Quindi non è strano che una fabbrica abbia un nome così… come dire? Accogliente.» «Esatto, Michele. Per questo, la nuova sede è stata realizzata con particolari accorgimenti affinché vi siano  la giusta temperatura e la giusta umidità, importantissime per la produzione dei salumi, dall’asciugatura alla conservazione in magazzino, passando per la stagionatura che decide sapore e consistenza.»

 

«Nonno, scusa, io prima avevo fame… ma adesso ho famissimissimissima! «Ah ah ah, Michele. È giusto imparare a conoscere e riconoscere ciò che mangiamo, perché non dobbiamo darlo per scontato, perché l’alimentazione è una parte fondamentale della nostra cultura e della nostra vita. Però hai ragione, ci siamo meritati un bel panino con la sopressa…»

Sapori antichi, saperi moderni
Top